Team Building e Coaching: i segreti del formatore

Team Building e Coaching? I segreti del formatore

Perchè No?

Estetiche che diventano formatori? Perché no? I motivi per cambiare/rinnovare la propria professionalità possono essere diversi: dallo sperimentare una nuova dimensione della propria professionalità alla possibilità di aggiungere prestigio alla propria carriera diventando insegnanti. Per insegnare servono  strategie adeguate e coinvolgenti.

Insegnare è uno dei mestieri più belli e gratificanti. Ma per essere dei bravi insegnanti è importante possedere le strategie giuste. Metodo-motivazione-Strategia. Come ottenerle?

Il segreto del Coaching: Arriva da un termine inglese e significa letteralmente “fare squadra”. Il ruolo del formatore è paragonabile infatti a quello di un Team Manager di una squadra in cui tutti gli elementi devono muoversi all’unisono per ottenere il massimo risultato. Un esempio? Pensate ai team che partecipano alle regate veliche.

Team Building

Il team building (in italiano approssimabile con costruzione del gruppo, che è comunque termine generico), nell’ambito delle risorse umane, costituisce un insieme di attività formative, variamente definite come team game, team experience, team wellbeing (ludiche, esperienziali o di benessere), il cui scopo è la formazione di un gruppo di persone.

Caratteristiche

Utilizzata con successo negli USA sui bambini, è oggi spesso applicata in ambiti aziendali per ottenere una miglior coesione e maggior collaborazione fra propri dipendenti. La costruzione del gruppo può avere una maggior valenza formativa, se associata ad un’analisi dettagliata dei bisogni, a fasi strutturate di debrief oppure può avere una valenza principalmente ludica, qualora l’obiettivo sia far rilassare il gruppo creando una sensazione di appartenenza ad un team. L’attività stimola le aziende a riflettere sull’importanza di lavorare in contesti relazionali piacevoli.