Assistente di Medicina Estetica: correggere delicatamente

Medicina estetica poco invasiva per correggere delicatamente e sentirsi al meglio? Scopri le migliori tecniche con il master in Assistente di Medicina Estetica! Scopri di più qui!

Facciamo il punto sulle nuove tecniche di medicina estetica che, poiché preservano i volumi del viso, consentono di rimuovere i segni del tempo senza dare l’impressione di barare.

Ripristina senza eccessi con la medicina estetica

Ci siamo a lungo concentrati sul riempimento delle rughe. Ma di fatto sono solo il lato visibile dell’invecchiamento della pelle. Non solo, anche e soprattutto alla modifica delle sue strutture profonde: tessuti adiposi, muscoli e massa ossea. Con la conseguenza della formazione di cavità (tempie, occhiaie, pieghe naso-labiali, pieghe amare …) poi, infine, cedimento del viso. La soluzione? Ripristina, ma non eccessivamente, i volumi persi. L’idea è di ottenere il risultato il più naturale possibile.

Per un effetto a breve termine

Le iniezioni di acido ialuronico ampliano il loro campo d’azione con un nuovo approccio, la ialurostruttura. Prodotto naturalmente dall’organismo, l’acido ialuronico è il garante del mantenimento dell’idratazione e dell’elasticità della pelle. Poiché la sua produzione diminuisce con l’età (circa il 10% in meno ogni dieci anni), i laboratori hanno sviluppato, poco più di vent’anni fa, acido ialuronico sostitutivo in grado di reintegrare le nostre riserve, compensare le nostre carenze e correggere le loro conseguenze.

Derivante dalla biotecnologia, riassorbibile e praticamente privo di effetti collaterali (possibili arrossamenti o piccoli lividi dopo l’iniezione), è acclamato tanto dai medici quanto dalle donne e dagli uomini che lo utilizzano da molti anni.

A lungo confinato al ruolo di “riempitivo delle rughe”, ha recentemente ampliato il suo campo di applicazione con una nuova generazione di prodotti, più flessibili, più elastici, più malleabili e persino arricchiti con un anestetico, la lidocaina.

Soprattutto, le tecniche di iniezione sono diventate meno traumatiche per la pelle. Oggi, a seconda della densità dell’acido ialuronico iniettato, il viso può essere rimodellato e riportato alla sua pienezza per ritrovare la sua armonia. Oppure sostituire l’arcata sopracciliare per fargli catturare la luce e aprire l’occhio, alzare la punta del naso che tende a “tuffarsi”, avvolgere il mento e proiettarlo leggermente in avanti per cancellare l’effetto doppio mento, o addirittura ridisegnare l’ovale del viso quando inizia a diventare un po’ troppo sfocato.

 

Vuoi saperne di più sul Master in Assistente di Medicina Estetica? Contattaci o chiama direttamente lo 041 962820 (Mestre) o lo 0438 336730 (Conegliano).